Notiziario del Clan
Carta di Clan "Tukulka" PDF Stampa E-mail
Scritto da Toffoletti Luca   
Giovedì 29 Novembre 2012 19:06

Carta di Clan "Tukulka"

 

Introduzione

Una delle caratteristiche del nostro Clan è la ricerca di tutti quei principi che permettono di formare e definire l'identità personale di ciascuno dei suoi appartenenti, dopo di che, saremo pronti a ricercare i principi che regolano il corretto andamento di una comunità, o meglio, di un gruppo di ragazzi Scout.

 

Comunità

La comunità è un insieme di persone, legate da uno o più ideali che cercano di condividere reciprocamente e nella più completa sincerità, senza dover ricorrere ad eventuali maschere dietro le quali nascondersi, nel massimo rispetto l'uno per l'altro. Essa si propone come il conseguimento di un unico scopo comune, raggiungibile solamente con l'attiva partecipazione dei singoli che debbano esercitare il loro impegno al servizio del prossimo.

Il nostro Clan ha come obiettivo il raggiungimento di questi precetti, che mirano alla  realizzazione di noi stessi e dei nostri scopi, gli stessi che si ripercuoteranno poi nell'accrescimento della comunità Scout stessa; essa ci insegna a saper apprezzare e rispettare l'altro nella sua diversità, così da poterne individuare i pregi; in tal modo, sarà possibile identificarne il ruolo stesso nella comunità.

 

Strada

La strada è uno tra gli elementi fondamentali, se non quasi l'essenza, dello Scautismo, in particolare del Roverismo. Essa, come metafora di vita, ci spiana il sentiero che abbiamo deciso di intraprendere ed affrontare.

Come la nostra esistenza, si presenterà sempre ricca di difficoltà ed ostacoli: montagne che dovremo essere pronti a superare; mai si presenterà piana e facilmente percorribile. Non potremo tirarci indietro o fermarci, dovremo piuttosto iniziare a scalare queste "montagne" senza indugi, poiché il tempo stesso non aspetterà noi, scorrendo inesorabilmente e senza curarsi dei nostri problemi.
Strada vuol anche significare la capacità di un Rover di riuscire ad apprezzare, di compiacersi, di qualsiasi cosa si trovi vicino a noi, senza che essa rappresenti la meta od il raggiungimento di uno scopo finale: il termine del nostro cammino.
Ciò significa trovare la risposta, o meglio, il senso, di quel che stiamo percorrendo, nonostante le avversità, soffermandoci, ad esempio, ad ammirare un paesaggio, un tramonto, un fiore; traendo spunto dalla natura circostante, senza che essa debba necessariamente essere di utilità per il conseguimento del nostro obiettivo.
La strada in questo senso, diventa essenziale alla comunità, un esempio chiaro, che ci aiuta meglio a comprenderla: attraverso la collaborazione, l'aiuto reciproco, l'umiltà con la quale ci rivolgiamo ad un amico, ad un fratello scout quando ci troviamo in difficoltà riusciremo meglio nel superamento dell'ostacolo che ci si para davanti, poiché insieme la fatica è minore.
Noi del Clan Tukulka ci impegniamo dunque nel fare strada, prefiggendoci come obiettivo la programmazione di:

  • Un'uscita di Clan al mese.
  • Un campo mobile invernale e/o estivo.

 

Servizio

Ogni componente del nostro Clan si impegna a prestare servizio nella branca cui è stato destinato. Al di là dei nostri compiti all'interno del gruppo e delle unità stesse, ci proponiamo di estendere il ruolo di servizio, all'insegnamento dello stesso all'interno delle attività svolte anche dai singoli Rover, nelle branche in cui essi PRESTANO SERVIZIO, appunto, far capire che esso non è solo uno strumento di essenziale importanza  nell'ambiente Scout, ma un qualcosa che deve innanzitutto partire dall'interno di ognuno di noi e non deve essere inteso come un lavoro (o compito esterno) da svolgere in cambio di qualcosa. Il servizio va dunque inteso come un attività di noi stessi, che proviene dal cuore di ogni singolo, volta all'accrescimento di un bene immateriale quale la felicità, che deriva appunto da un azione volontaria, senza bisogno di un ritorno di ogni sorta. Il servizio sarà dunque sia associativo, sia extra - associativo.

Compito importante dello Scout è che lo eserciti appunto, ponendosi con la stessa condizione del "servo inutile" ovvero con la consapevolezza di rimanere nell'ombra, senza l'aspettativa di una ricompensa, senza la pretesa di ricevere anche solo un "grazie": il solo fatto di aver dato senza chieder nulla, esercitando così del bene, sarà per noi del Clan Tukulka il più bel regalo che si possa ricevere.
Compito ancor più arduo, sarà quello di sentire come proprio un servizio che stiamo svolgendo, dimenticando che lo stiamo facendo per qualcuno, intenderlo quindi, come dono ricevuto da Dio per essere “messi alla prova”, proponendo tutto il nostro entusiasmo e convogliando le nostre energie in esso, utilizzando tutti i mezzi a nostra disposizione, per trarne beneficio e per il prossimo, e per noi stessi.

 

Spiritualità

Noi del Clan Tukulka siamo coscienti della nostra origine Cristiana, e della religiosità del nostro gruppo Scout. Intendiamo la spiritualità come la ricerca di ciò che regola il nostro Io interiore, di ciò che è invisibile ad occhio umano ma intrinseco nell'animo di ognuno, che esso sia il credere in una religione spirituale o la semplice perseveranza nella ricerca stessa di quel qualcosa che regola l'andamento della nostra vita, con l'impegno concreto nel rispettare le idee altrui, al di là della condivisione o meno delle stesse.

Ci impegniamo inoltre a rispettare un calendario liturgico stabilito dal Gruppo o dal Clan, ad approfondire ciò che è la religione, e nello specifico cosa sia la religione Cristiana Cattolica.